RUOLO


Ruolo

Rintracciare le esatte origini storiche è alquanto difficile e porta a risultati comunque non definitivi.

Certamente l’origine può essere fatta risalire alle prime comunità cristiane, per cui possiamo senza dubbio affermare che la storia delle Confraternite laicali e intimamente connessa alla storia della Chiesa stessa.

L’associazionismo laicale fu un esigenza che i cristiani sentirono fino da subito, per realizzare la fratellanza e l’amore di Cristo secondo il principio evangelico”se due o tre si riuniscono per invocare il mio nome io sono in mezzo a loro” (Mt xv 111,20).

Le Confraternite come le conosciamo oggi, e da le quali discendono direttamente senza interruzione, sorsero nel XII secolo quali associazioni di fedeli erette per l’esercizio di opere di carità e pietà, ma aventi anche lo scopo dell’incremento del culto pubblico.

A differenza delle congregazioni religiose i membri delle Confraternite, allora come oggi, non emettono voti né vivono in comunità.

La stabilità,elemento molto importante in una associazione, in quanto solo così possono essere raggiunti gli scopi alti, viene assicurata da un formale decreto emesso dalla autorità ecclesiastica e dalla obbligatoria adozione di uni statuto ,che fissa lo scopo della Confraternita e regola i rapporti sociali interni. La diffusione delle Confraternite, dal x11 secolo in poi, fu rapidissima: Francia, Germania, Italia, Spagna.

La presenza penetrante delle Confraternite in tutti gli strati sociali, fiducia che incutevano nei fedeli, l’esempio di povertà e di rettitudine, contribuirono a salvare la chiesa negli anni della divulgazione della eresia.

I laici associati permisero ala Chiesa di essere presente in tutti gli ambienti, costituendo un vero e proprio tessuto connettivo di fronte al quale l’eresia non aveva la possibilità di attecchire.

Dobbiamo ricordare che in Germania, nella città in cui vi era una forte presenza di laici associati in Confraternite la predicazione protestante si arrestò, dilagando invece altrove. Nel ‘500 a Colonia vi erano 80 Confraternite a Lubecca 70, ad Amburgo 100: ebbene queste città seppero mantenere una forte presenza cattolica e come a Colonia i cattolici rimasero, come in effetti tuttora sono in maggioranza.

Nel corso dei secoli gli scopi delle Confraternite si mantennero sempre presenti, su due binari.

Da un lato la missionarietà e dall’altro l’esercizio della carità: accogliere i pellegrini, assistere i carcerati, seppellire i morti, costruire ospedali